ACQUISTA LA TUA CANTINETTA VINO IDEALE TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 19

Diversi tipi di bicchieri da vino

15 Novembre 2021

Dopo aver scelto la cantinetta vino Elidewine in base alle proprie esigenze e a quelle della propria collezione di bottiglie, cosa molto importante è la scelta del bicchiere giusto. È risaputo che la forma del bicchiere ha un impatto diretto sul sapore del vino, ma la stessa scienza è applicabile anche a liquori, cordiali e birra. Scegliere il bicchiere giusto è tanto un'arte quanto una scienza e può essere molto divertente se si sa cosa cercare. E’ necessario fare prima qualche ricerca sulla tua preferita, le sue caratteristiche dominanti, e poi leggere sotto per suggerimenti su quali bicchieri faranno emergere quelle note primarie nei modi più ottimali.

 

  • Tipi di bicchieri da vino

Il mondo dei bicchieri da vino può essere vertiginoso. Bordeaux? Borgogna? Con gambo o senza gambo? Prima di scegliere il bicchiere perfetto per quella bottiglia speciale, è utile conoscere alcune linee guida di base. Innanzitutto è fondamentale sapere che un bicchiere da vino è composto da una ciotola, uno stelo e un piede.

In generale, i bicchieri da vino rosso hanno coppe più grandi per aiutare a migliorare gli aromi che si raccolgono sulla superficie del vino e i bicchieri da vino bianco hanno coppe più strette per aiutare a mantenere la temperatura. Da lì, piccole sfumature di larghezza, forma e lunghezza aiutano a evidenziare o incoraggiare attributi come l'ossidazione o la carbonatazione. 

Ci sono poi considerazioni puramente pratiche che vanno fatte: è necessario anche prendere in considerazione l’ambiente. Ad esempio, se si pianifica una cena all'aperto, i bicchieri senza stelo possono essere più ideali di un bicchiere a stelo lungo che ha maggiori probabilità di cadere.

 

 

 

  • Bicchieri da vino rosso

I bicchieri da vino rosso hanno bisogno di una ciotola ampia per favorire l'inalazione di composti volatili e per consentire l'ossidazione, portando avanti nel tempo ancora più complessità. Questa ossidazione è il motivo per cui è importante travasare il vino rosso o lasciarlo "respirare". L'ampia coppa consente anche di far roteare il vino in modo efficace. 

Bicchieri alti e a coppa larga come i bicchieri Bordeaux sono progettati per i vini più audaci e pieni, pensa al Cabernet Sauvignon o al Syrah, e aiutano un po’ l'etanolo a evaporare in modo che gli aromi possano emergere. Il bicchiere Borgogna ancora più ampio è la soluzione migliore per sapori delicati, come quelli del Pinot Nero, poiché l'ampia coppa aiuta a concentrare quei composti piacevolmente profumati al naso. Il bicchiere da vino rosso "standard" (apertura media) è la scelta migliore per vini più piccanti e di medio corpo come Primitivo e Malbec. 

Quando si tratta di stelo contro bicchiere, scegliere un'opzione con gambo più fini per vini di qualità superiore e usare i bicchieri normali in situazioni più casuali. I bicchieri possono trasferire più calore dalla mano al vino, quindi meglio evitarlo con un buon vino che si presenta al meglio alla sua temperatura ottimale.

 

  • Bicchieri da vino bianco

Il vino bianco evoca spesso immagini estive. I bicchieri da vino bianco variano più per forma e dimensioni rispetto ai loro omologhi per vino rosso. Alcuni vini bianchi, come gli Chardonnay legnosi, beneficiano di una certa ossidazione per evidenziare i loro aromi burrosi, mentre i vitigni a bacca bianca più delicati, come il Sauvignon Blanc, mantengono la loro freschezza essendo protetti dall'ossidazione. 

Un bicchiere da vino bianco standard utilizzato per Chardonnay o Viognier avrà una ciotola più ampia, anche se più stretta di un bicchiere da vino rosso. Questo aiuta a preservare una temperatura più fredda pur consentendo agli aromi di concentrarsi sul bordo. Un bicchiere bianco Borgogna è simile; la ciotola è larga, ma non così larga come un rosso Borgogna. 

Proprio come molti vini rossi, anche molti vini bianchi possono essere adeguatamente degustati da un bicchiere sagomato Universal, vero e proprio cavallo di battaglia per la collezione di ogni degustatore. 

 

  • Flute da Champagne

Gli spumanti vengono spesso serviti nell'iconico flute, che tutti conosciamo dai brindisi a fine anno o di nozze. Il bicchiere alto e stretto mantiene freschi gli spumanti e mantiene quella deliziosa effervescenza data dalla carbonatazione. Tuttavia, se si cerca di godere degli aromi di un Prosecco o di una rosa frizzante, si potrebbe essere più colpiti da una coupé o da un bicchiere da Champagne a forma di tulipano, che consente alle bollicine e agli aromi di brillare. 

Se si vuole un bicchiere che sia adatto allo Champagne come lo è a qualsiasi spumante, il bicchiere da champagne Zalto Denk Art è sicuramente un buon punto di riferimento. Soffiato a bocca, senza piombo e lavabile in lavastoviglie non solo è perfettamente bilanciato, ma è anche ben progettato. L'alta coppa a forma di tulipano conserva le piacevoli bollicine dello Champagne, spumante, Prosecco o Cava, ma consente anche a quei deliziosi aromi floreali e minerali di concentrarsi e raccogliersi sul labbro per un sorso straordinario.

 

  • Bicchieri da vino da porto e da dessert

I bicchieri da vino Porto e da dessert sono progettati per accentuare i sapori dolci e ad alto contenuto alcolico delle amate bevande dopo cena. A causa della maggiore gradazione di zucchero e alcol, i vini porto e da dessert possono facilmente sopraffare il palato, quindi vengono serviti in bicchieri molto più piccoli. La forma compatta aiuta anche a concentrare i sapori e la ricchezza di aromi.

 

  • Bicchieri e temperatura: La temperatura

La temperatura e tra le cose più importanti nel servizio e nella degustazione. Una temperatura molto fredda infatti, bloccherebbe gli aromi, vanificando di fatto la degustazione. Si deve sempre diffidare ad esempio dei vini rossi serviti a temperature troppo fredde, ad eccezione di quelli che ne prevedono un servizio di questo tipo.

Al contrario una temperatura troppo elevata svilupperebbe maggiormente i vapori dell'alcol, che porterebbero rapidamente via i profumi.

Per questo è molto importante seguire le indicazioni del produttore, che variano da prodotto a prodotto, sulla temperatura, testata molte volte in cantina e scelta come la più adatta. Indicativamente i bianchi si servono tra i 5° e 12°C e i rossi tra i 14° e i 17°C, ma queste sono temperature indicative. Nelle degustazioni professionali ad esempio, i bianchi vengono spesso serviti a temperatura ambiente, in modo da avere a disposizione tutta la gamma aromatica.

 

Il grado di umidità, di temperatura, di luce e la posizione della bottiglia sono sempre sotto controllo, grazie alle ottime prestazioni tecniche sviluppate dai nostri tecnici esperti. La qualità delle cantinette vino Elidewine è la risposta ideale a chi desidera degustare il vino al massimo del suo potenziale

Recensioni