ACQUISTA LA TUA CANTINETTA VINO IDEALE TUTTI I GIORNI DALLE 9 ALLE 19

Che cos'è in realtà un vino biologico?

28 Maggio 2021

Un vino biologico è un vino che è stato coltivato biologicamente e che richiede ai vignaioli di non utilizzare alcun prodotto chimico. Deve essere costituito per il 95% da uve coltivate biologicamente per essere considerato un vino biologico.
In Italia e in Francia la coltivazione biologica è sempre più in aumento. L'AIAB o, l'associazione italiana per lo sviluppo e il sostegno della coltivazione biologica, conta migliaia di aziende vinicole che gestiscono circa 44.175 ettari coltivati, che rappresentano circa il 5% dei vigneti italiani. E il numero è in costante aumento.

Ma cos'è in realtà un vino biologico, biodinamico o naturale, o addirittura un vino che proviene da coltivazioni sostenibili?

  • Cos'è una coltivazione sostenibile?

Questo è il tipo di coltivazione più semplice da realizzare per coltivare vino rispettoso dell'ambiente. L'obiettivo è ridurre l'impatto che l'attività vitivinicola ha sull'ambiente. L'idea è estremamente semplice, così semplice che ci si potrebbe chiedere perché non tutti utilizzano la coltivazione sostenibile. Infatti è già sufficiente che si cerchi di utilizzare solo la quantità minima di prodotti chimici e di trattare l'uva solo se veramente necessario. Basterebbe anche creare trasparenza sul trattamento delle uve. Nell’ambito del progetto VIVA è stata elaborata un’etichetta consultabile attraverso un QR code. L'etichetta digitale VIVA è dunque sinonimo di assoluta trasparenza: un'interfaccia ideale tra l'azienda produttrice e il consumatore; un primo e importantissimo passo nella comune direzione della sostenibilità.

  • Che cos'è in realtà un vino biologico?

Prima del 2012, il vino biologico era un vino che veniva coltivato in agricoltura biologica e che era ottenuto da uve certificate come coltivate biologicamente. Per avere il diritto di chiamare “biologiche” le tue uve, dovevi aderire a un catalogo ricco di normative che vietano qualsiasi utilizzo di pesticidi, diserbanti, fertilizzanti artificiali e organismi geneticamente modificati, ovvero tutte le sostanze chimiche. Solo se si osservava rigorosamente questo disciplinare, le uve venivano certificate come “biologiche”.

Nel febbraio 2012 l'Unione Europea ha deciso di inasprire queste normative riguardanti l'agricoltura biologica e di aggiungerne di nuove per il “vino biologico”. Le uve devono ancora essere applicate ai regolamenti già esistenti, ma ora i vignaioli devono aderire a un altro catalogo, più preciso, ricco di regolamenti. Secondo queste nuove normative, ora deve esserci un numero massimo di solfiti, per produrre vino in modo "più pulito"; un terzo in meno rispetto all'agricoltura tradizionale. Inoltre, consentono solo additivi certificati come biologici, come lieviti e zucchero e vietano gli acidi malici

  • Il top tra i vini biologici: il vino biodinamico!

Per operare una coltivazione biodinamica, o devi possedere già il certificato “biologico”, oppure deve essere in corso. Ci sono alcune somiglianze tra un vino biologico e uno biodinamico, ma quello biodinamico va ben oltre. Questo tipo di coltivazione influenza l'intera vita nei vigneti. La coltivazione biodinamica, infatti, esprime un equilibrio tra la natura, la vite e l'ambiente immediato e lontano. Questo sistema si basa sul tipo di pensiero dell'antroposofia creato da Rudolf Steiner (filosofo e agronomo austriaco). In altre parole, l'idea di questo sistema è quella di riabilitare e intensificare la vita in vigna, per rispettare l'ambiente meglio di prima e per ottenere un completo dispiegamento del territorio. Si tiene conto dei cicli lunari e della disposizione dei pianeti, che influenzerà la crescita delle piante. Questo miglioramento del suolo e delle viti avviene in modo completamente naturale, grazie agli estratti vegetali, animali e minerali polverizzati in dose omeopatica. Anche qui il numero massimo di solfiti è inferiore rispetto alla coltivazione biologica.
La biodinamica soffre ancora della sua immagine marginale ei suoi difensori sono spesso descritti come pazzi. Tuttavia, i degustatori riconoscono sempre più la qualità dei vini biodinamici durante le degustazioni.

  • Un vino naturale è necessariamente privo di zolfo?

Non esiste infatti un vino completamente esente da zolfo, in quanto l'anidride solforosa (SO2) viene prodotta anche durante il processo di fermentazione, quando lo zucchero viene trasformato in alcol con l'ausilio dei lieviti. Quindi, un vino naturale è un vino che non riceve zolfo extra. I vini naturali contengono un numero ridotto di solfiti o non ne contengono affatto. Non è consentito superare la dose massima di 40 mg/l per i vini bianchi e 30 mg/l per i vini rossi. Altri vini non possono contenere alcun solfito. Guardando più da vicino i vini naturali, non ci sono regolamenti ufficiali. L'associazione francese L'associazione italiana vini naturali sta già cercando di concordare una definizione ufficiale. L'associazione cerca di promuovere una coltivazione completamente biologica o biodinamica aggiungendo ulteriori normative, come il divieto dei lieviti,
Tuttavia, è comunque importante capire quali benefici ha lo zolfo nella produzione del vino. Ha proprietà antisettiche e antiossidanti. Lo zolfo permette di stabilizzare la fermentazione del vino, appena imbottigliato. Ecco perché un vino a basso contenuto di zolfo deve avere perfette condizioni di vinificazione, nonché perfetta conservazione e conservazione.

  • Quali cantine gestiscono una coltivazione biologica?

Non esitate a visitare una delle cantine che hanno accettato di gestire una coltivazione biologica o biodinamica. Chi le conosce sa bene che non si tratta di una moda, ma di un vero e proprio modello di sviluppo sostenibile, basato sulla salvaguardia, sulla valorizzazione delle risorse e sul rispetto dell’ambiente e della salute del consumatore.

 

Rispetta i tempi di maturazione del vino con Elidewine.

 

Il vino biologico, proprio per la sua mancanza di solfiti aggiunti, necessità per il suo invecchiamento di condizioni ambientali molto rigorose. Luce : Il vino biologico è più sensibile e anche un po' di luce può dare un sapore aspro alla bottiglia. Età : bevi vino biologico entro uno/due anni dall'acquisto. Una volta aperto, assicurati di tapparlo bene e di bere la bottiglia entro 2-3 giorni. Temperatura : conservare il vino biologico a una temperatura compresa tra circa 14 e 18 gradi. Per assicurarti di conservare il vino in un ambiente perfetto e a una temperatura fresca e costante, considera di investire in una cantinetta vino ELIDEWINE.

Cosa dicono di noi